Cortinovis SCLC 2021
Roche Oncologia
Oncologia Morabito
Tumore prostata

Efficacia e sicurezza di Pembrolizumab nei pazienti più anziani con carcinoma uroteliale chemioresistente valutati utilizzando la corrispondenza del punteggio di propensione


Sono stati utilizzati dati reali e su larga scala per valutare l'efficacia clinica e la sicurezza di Pembrolizumab ( Keytruda ) nei pazienti più anziani con carcinoma uroteliale avanzato.

In totale 608 pazienti che hanno ricevuto Pembrolizumab per il trattamento del carcinoma uroteliale chemioresistente sono stati analizzati retrospettivamente.
Tutti i pazienti sono stati diagnosticati istologicamente con carcinoma uroteliale puro.

Utilizzando la corrispondenza del punteggio di propensione ( PSM ) ( ECOG performance status, sito di metastasi, livello di emoglobina e rapporto neutrofili / linfociti ), sono stati confrontati sopravvivenza globale ( OS ) ed eventi avversi dei pazienti di età minore di 75 e maggiore o uguale a 75 anni.

Il periodo di follow-up mediano è stato di 16.1 mesi.

Dopo la corrispondenza del punteggio di propensione, c'erano 215 pazienti ciascuno nei gruppi di età inferiore a 75 anni e di età maggiore o uguale a 75 anni.
La sopravvivenza mediana globale di tutti i pazienti è stata stimata in 10.4 mesi.
Dopo la corrispondenza del punteggio di propensione, la sopravvivenza mediana globale è stata di 7.8 mesi nel gruppo di età inferiore a 75 anni e di 10.4 mesi nel gruppo di età maggiore o uguale a 75 anni ( P=0.186 ).

Eventi avversi di qualsiasi grado sono stati riportati più frequentemente nel gruppo di età maggiore o uguale a 75 anni rispetto al gruppo di età inferiore a 75 anni ( 55.3% vs 41.9%, P=0.007 ), mentre non vi è stata alcuna differenza significativa tra i due gruppi nell'incidenza di eventi avversi di grado maggiore o uguale a 3 ( 10.2% vs 12.6%, P=0.544 ).

Il tasso di risposta obiettiva ( ORR ), definito come remissione completa o risposta parziale, è stato del 22.8% nel gruppo di età inferiore a 75 anni e del 25.1% nel gruppo di età maggiore o uguale a 75 anni ( P=0.651 ).

Lo studio ha dimostrato che l'età non influisce sull'efficacia e sulla sicurezza del trattamento con Pembrolizumab per carcinoma uroteliale chemioresistente avanzato.
Il trattamento con Pembrolizumab non deve essere evitato in base all'età cronologica; tuttavia, per i pazienti più anziani deve essere preso in considerazione un attento monitoraggio per lo sviluppo di eventi avversi correlati al trattamento. ( Xagena )

Nishiyama N et al, J Geriatr Oncol 2022; 13: 88-93

Xagena_OncoGeriatria_2022



Indietro